Ars semivuota, a rischio manovrina bis

Dopo circa due ore di interventi in aula dei deputati con la speranza che i banchi degli assenti si riempissero, il vice presidente dell’Ars, Giuseppe Lupo, ha rinviato la seduta parlamentare, aggiornandola alle 12. Non appena la presidenza ha annunciato il passaggio agli articoli della manovrina bis, infatti è arrivata puntuale la richiesta di verifica del numero legale: troppi gli assenti a sala d’Ercole tra le fila della maggioranza, così Lupo ha rinviato i lavori. È un’aula semivuota quella che dovrebbe esaminare la manovrina bis, nell’ultimo giorno utile prima della chiusura dell’Assemblea per la pausa estiva come stabilito dalla capigruppo. I deputati delle opposizioni presenti in aula si scagliano contro la maggioranza, in gran parte assente. ” Dove sono i deputati, al mare? Siete una vergogna”, ha urlato il deputato del M5s Francesco Cappello dal pulpito di sala d’Ercole. “Questa è la vostra legge, e dove siete? – ha aggiunto – Per quanto ci riguarda siamo pronti a chiedere il numero legale e a rimanere qui anche a ferragosto”. Non sarà facile per l’aula approvare la manovrina da7 milioni di euro piu l’assunzione di circa 200 persone nella Sas provenienti da altre società pubbliche liquidate o in liquidazione nei tempi stabiliti, una quarantina di norme e oltre 200 emendamenti. Il deputato del Pd Arancio ha invitato la maggioranza e i capigruppo a stralciare gran parte delle norme “e a lavorare su 4-6 articoli più urgenti, perché non credo proprio che ce l’ha faremo se il testo rimarrà quello attuale”.