Gioco d’azzardo. Operazione della GdF a Barcellona Pozzo di Gotto

La Guardia di Finanza di Barcellona Pozzo di Gotto, con funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Messina, hanno scoperto un centro scommesse sprovvisto delle necessarie autorizzazioni, al cui interno vi erano quattro dispositivi telematici ed una postazione centrale dove venivano raccolte le puntate e stampate le relative ricevute.Le Fiamme Gialle barcellonesi pertanto, hanno denunciato il titolare del centro alla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto per esercizio abusivo di gioco e scommesse, trasgressione che prevede la pena della reclusione da sei mesi a tre anni, ed hanno sottoposto a sequestro le ricevute delle giocate rinvenute e le attrezzature tecniche utilizzate.

L’esercente, oltre alla denuncia penale, dovrà rispondere anche di una violazione amministrativa alla normativa antiriciclaggio e per violazioni connesse alla disciplina del gioco , rischia sanzioni amministrative fino a un massimo di 176.000 euro.

Al concessionario e il proprietario dei quattro apparecchi di tipo videoslot, è stata contestata l’installazione degli stessi in un esercizio sprovvisto della licenza di pubblica sicurezza, e rischia una multa che può arrivare fino a 15.000 euro per ciascun apparecchio di gioco.