Mazara Calcio. Il presidente Abbagnato getta la spugna e si dimette

Il presidente del Mazara Calcio, Elio Abbagnato, ha rassegnato le sue dimissioni. Alla base della sofferta scelta “il disinteresse e le molteplici manifestazioni di ostilità” verso la sua persona. La decisione afferma l’0rmai ex presidente è stata presa soprattutto nell’interesse del Mazara, squadra per la quale dichiara di aver profuso impegno nella speranza “che la città mostrasse interesse e passione”. Una aspettativa, secondo Abbagnato, disillusa. Già alla fine dello scorso campionato l’imprenditore palermitano, alla guida della società gialloblù dal settembre del 2015, aveva pensato di gettare la spugna, ma “non essendosi verificate le condizioni  necessarie” ha compiuto un ulteriore sforzo iscrivendo la squadra al campionato.

“La fortuna non c’è stata amica – afferma Abbagnato – e dopo l’unica gara (contro il Dattilo) che abbiamo potuto disputare, utilizzando l’intero organico, si è abbattuto su di noi un cataclisma con una serie di infortuni difficilmente ripetibile. Mi dispiace molto avere coinvolto un amico, un grande professionista come Giacamo Modica (mazarese) che anche lui, come me, ha messo la sua faccia e il suo cuore a disposizione della sua città”. L’ex presidente ha dunque deciso di lasciare il “Mazara ai mazaresi” nella speranza che chi ha a cuore le sorti della squadra si faccia avanti e si assuma la guida della società. “Scusatemi se mi sono illuso, – ha concluso il palermitano – con tutto il cuore, in bocca al lupo e per la vita “Forza Mazara”.