Palermo. Concussione, corruzione e falso. In manette tre agenti della Polstrada

Tre poliziotti della Polstrada sono stati arrestati con l’accusa di corruzione, concussione e falso. Per mesi gli agenti avrebbero preteso da alcuni imprenditori e commercianti somme di denaro. Le vittime sarebbero state minacciate di subire multe e controlli continui in caso di mancato pagamento. Alcuni di loro avrebbero pertanto deciso di denunciarli. Ne è scaturita un’inchiesta della sezione reati contro la pubblica amministrazione della Mobile diretta da Silvia Como. L’indagine è stata coordinata dal procuratore aggiunto di Palermo Dino Petralia. I tre sono agli arresti domiciliari.