Antico Mercato di Marsala. Degrado, abbandono e abusivi

C’era una volta l’Antico Mercato a Marsala ora c’è un mercato abbandonato dall’amministrazione e con alto indice di degrado. Un mercato che man mano nei decenni si è trasformato nel mercato al minuto del pesce, ovvero di quel poco che arriva a Marsala, e di qualche bottega di frutta. Alla fine del 2009 l’Antico Mercato assume una veste “notturna” per merito dell’ex Sindaco Carini che approvò e realizzo il progetto d’uso. Era stato messo a nuovo, e per un pò di mesi è stato una vera attrazione.
Una trovata intelligente che ha fatto si che Marsala, povera di punti di aggregazioni, potesse annoverare un centro di aggregazione per i giovani, e non solo. A questa trovata però non ha fatto seguito alcuna attenzione alla struttura che versa in precarie condizioni igieniche e di sicurezza per operatori e avventori.
Oltre a ciò, ci sono alcuni negozi, almeno 5 di cui 2 mai aperti, che risultano assegnati dal Comune senza alcuna necessità mentre operatori che già insistono nel Mercato chiedono invano l’assegnazione di altri spazi. Inoltre il mercato del pesce abusivo prospera e ogni mattina si può vedere come frotte di abusivi si ammassano verso l’entrata che dà verso piazza del Popolo, offrendo ai clienti, poco sensibili evidentemente alla qualità e alla sicurezza della provenienza, pesce di dubbia provenienza.
E’ un rito, così come è un rito il ciclico intervento, raro ed incapace di fermare l’abusivismo perché non vi è controllo giornaliero del servizio annona, l’affollarsi di abusivi che usano ceste abbandonate dopo la vendita, in una struttura d’angolo aperta ed abbandonata da tutti che versa in condizioni igieniche precarie. I teloni sono per lo più strappati ed alcuni sostegni sono pericolosamente staccati dai supporti, e la tela ferma polvere è piena di polvere che con il vento tipico di Marsala si deposita sul pesce.
Alcuni negozianti si sono attrezzati e hanno installato delle tende di plastica alla meno peggio per proteggere il prodotto, e il tutto appare come Marsala, decadente, degradato e insicuro. La fontana è indecente, non funziona il getto e l’acqua stagnante e putrida emana cattivi odori e neanche più i peschi rossi che c’erano sono ormai più vivi. Qualcuno, geneticamente modificato, grazie ai negozianti ancora sopravvive, ma sarà diventato un “mostro”. Bene, questo è uno dei posti pubblicizzati come attrazione turistica che dà al turista la possibilità di poter vedere come la città di Marsala conserva i suoi monumenti e la sua archeologia.
E che dire poi dei venditori ambulanti abusivi ? Ogni tanto la Polizia Municipale effettua un “blitz”, ma immediatamente il giorno dopo si è punto e daccapo.
Di norma, nei mercati rionali o fissi, c’è sempre una pattuglia che gira tra i banchi, ma all’Antico Mercato è raro vedere una divisa.
Sono passati ben tre sindaci, un commissario straordinario e ora c’è il sindaco per bene, ma i problemi rimangono tali e quali.
Come biglietto da visita per il turismo non c’è che dire, ma anche l’igiene dei prodotti esposti è cosa grave ed il sindaco, se non ricordiamo male, è responsabile per la salute pubblica.

Michele Santoro