sabato, Giugno 25, 2022
HomeCultura“Muse alle Fabbriche”. Estetica, gusto, olfatto alle Fabbriche Chiaramontane di Agrigento

“Muse alle Fabbriche”. Estetica, gusto, olfatto alle Fabbriche Chiaramontane di Agrigento

Venivano invitate ai banchetti, alle feste in onore degli dei, le divine muse, con il loro canto e le loro danze, a rappresentare l’ideale supremo dell’Arte. Nessuno poteva mancare alla loro presenza, era un’occasione unica per deliziarsi e apprendere il loro sapere.

Le figlie di Zeus tornano e risiedono alle Fabbriche Chiaramontane, importante galleria d’arte di Agrigento, con “Muse alle Fabbriche – Estetica, gusto, olfatto”, a cura di Dario Orphée La Mendola. Due sono gli appuntamenti, quello tenuto domenica 23 ottobre dal tema “Arte e vino” e quello di sabato 29 ottobre “La teatralità della tavola apparecchiata”. L’evento è prodotto dal Centro Studi Erato, in collaborazione con le stesse Fabbriche Chiaramontane, con la condotta Slow Food di Agrigento, sponsor di eccezione le cantine CVA di Canicattì, Gueli di Grotte e il graphic design “Regulart”.
“Da un po’ di tempo – dichiara La Mendola – sto incentrando la mia ricerca sull’esperienza estetica, intesa quale momento di rivelazione del senso della realtà, all’interno di alcuni ambiti: il sentimento, il teatro, i profumi, il sogno.
muse2In “Muse alle Fabbriche” ho tentato una loro unione, attraverso l’analisi dei più importanti tesori del sapere, tra filosofia e storia dell’arte: con il teatro di Atene, l’orfismo e la pittura vascolare, con gli ultimi studi di Hubertus Tellenbach e l’onirologia di Sinesio di Cirene, con Caravaggio, David e Manet, approdando alle più curiose teorie del teatro, strutturando ontologicamente i significati di “scena” e “quinte”, intesi classicamente o osservati in contesti meno usuali.
Si tratta di accostamenti improbabili, che, a termine di un ragionamento alchemico, dimostrano invece una grande coerenza di fondo. A supporto della teorizzazione fenomenologica dell’olfatto, per queste due serate, ho fatto entrare in gioco il vino, considerato come ingrediente per le indagini estetiche, a partire dalla sua storia, coadiuvato da esperti enogastronomici, come Massimo Brucato, presidente Slow Food di Agrigento, l’enologo Tonino Guzzo e il viticultore Giuseppe Gueli”. Quando la filosofia e l’arte incontrano il vino, la mente e il gusto convivono il piacere della cultura e dell’ebrezza.
Gianna Panicola

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments