Agrigento: gli scavi confermano il ritrovamento dei resti dell’antico teatro greco

Da circa un mese nella Valle dei Templi di Agrigento si scava senza sosta per portare alla luce i resti dell’antico teatro greco. I lavori proseguono senza interruzioni davanti agli occhi attenti e curiosi dei visitatori. Un cantiere a cielo aperto che sta iniziando a dare le prime importanti risposte. Il direttore del Parco Archeologico Giuseppe Parello, durante la conferenza stampa che si è tenuta ad Agrigento con il fine di presentare i risultati del lavoro fin qui svolto, ha affermato che la cavea teatrale c’è e che secondo i primi calcoli dovrebbe avere un diametro di circa 100 metri. Nonostante gli scavi siano iniziati da poche settimane le notizie sin qui raccolte sono incoraggianti. L’archeologo Luigi Caliò dell’Università di Catania, anche lui presente alla conferenza, ha dato qualche informazione in più: “abbiamo una piazza molto grande –ha affermato- e la cavea è la faccia verso Sud”. Si tratterebbe di una cavea semicircolare in parte costruita su roccia (zona più orientale) e in parte in blocchi (parte più occidentale). L’ipotesi degli addetti ai lavori è che potrebbe trattarsi di una costruzione del terzo secolo. “L’impianto della piazza, così per come l’abbiamo isolata, – continua Caliò – se poi verrà confermato dalle ricerche, è sui 50 mila metri quadri. Morgantina è sui 30 mila metri quadri. L’agorà di Atene è su circa 52 mila metri quadri. Quindi siamo a livello delle grandi città Ellenistiche.” Nel frattempo dalla terra emergono resti di maschere teatrali, conchiglie usate come monili, monete che avvalorano le tesi dei ricercatori.

Quel teatro tanto cercato, dopo anni di ipotesi, sta venendo poco a poco alla luce, regalando alla città di Agrigento, alla Sicilia e all’Italia intera un altro preziosissimo tassello da aggiungere alla lunga lista di luoghi imperdibili da visitare. Ma quanti inestimabili tesori si nascondono ancora sotto terra? Quando si comincerà a comprendere l’importanza di iniziative di questo tipo?