domenica, Agosto 14, 2022
HomeNewsMarsala: confiscati beni per circa 1,8 milioni di euro

Marsala: confiscati beni per circa 1,8 milioni di euro

Confiscati ad un 50enne marsalese beni (immobiliari e societari) per un valore di circa 1,8 milioni di euro.All’uomo, Carmelo Gagliano, 50 anni, autotrasportatore, è stata applicata la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di dimora per tre anni. A eseguire la confisca la DIA di Trapani. Nessuna condanna per mafia, l’inserimento di Gagliano negli ambienti della malavita è legato al ruolo di amministratore (prestanome) nella società cooperativa di trasporti Afm autofrigo Marsala, che è riconducibile all’esponente mafioso Ignazio Miceli al quale il tribunale di Trapani, dopo la sua morte, ha confiscato il patrimonio su proposta del direttore della Dia Nunzio Antonio Ferla. Tra i beni confiscati risultano terreni, fabbricati, l’intero capitale sociale e il compendio aziendale della società ‘L.G.F. Trasporti srl’ con sede a Mazara del Vallo, veicoli e rapporti bancari, per un valore di oltre 1,8 milioni di euro.

Le investigazioni che hanno portato alla confisca sono state condotte dalla Dia trapanese – d’intesa con il Procuratore Aggiunto Bernardo Petralia, coordinatore del Gruppo Misure di Prevenzione, della Dda di Palermo. La Dia ha scoperto che il clan camorristico dei Casalesi e il fratello di Totò Riina Gaetano, avevano stipulato un patto per il controllo del trasporto di frutta e verdura nel sud Italia.

“Beneficiario principale, sul versante siciliano della provincia di Trapani, dell’accordo affaristico mafioso tra gli esponenti camorristi dei Casalesi e i mafiosi trapanesi sarebbe stato appunto l’impresa ‘A.F.M. Autofrigo Marsala”.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments