sabato, Giugno 25, 2022
HomeCronacaPALERMO. Firme false. Gli indagati del M5S: inchiesta manovrata

PALERMO. Firme false. Gli indagati del M5S: inchiesta manovrata

Nuovi veleni scuotono i grillini finiti nei guai per lo scandalo delle firme false. I deputati Nuti, Mannino e Di Vita, indagati e sospesi, e le due avvocato Loredana Lupo e Chiara Di Benedetto, non indagate nè sospese, sostengono che sarebbe stato l’ avvocato Ugo Forello ( uno degli ideatori di Addio Pizzo e candidato in pectore per il M5S a sindaco di Palermo) a ” pilotare le dichiarazioni” di Claudia La Rocca, la deputata pentita dei cinque stelle che ha parlato delle firme false dopo l’ apertura dell’ inchiesta e che a seguito di questo si è presentata in procura per collaborare alle indagini.

L’ esposto della procura contiene anche le fotocopie delle mail scambiate fra Forello e un attivista. I tre indagati e le due avvocatesse hanno denunciato una presunta disponibilità a mediare dello stesso leader di Addio Pizzo e il magistrato incaricato allea indagini, il sostituto procuratore aggiunto Dino Petralia. La Rocca annuncerà a breve una conferenza stampa.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments