ARS: approvata la norma sui precari

Come ogni anno anche quest’anno, sul filo di lana, quasi allo scoccare della mezzanotte, arriva la riconferma dei numerosi precari siciliani che possono tirare un sospiro di sollievo. Per un altro anno ancora, dunque, avranno rinnovato il contratto e dal 1 Gennaio 2017 non si troveranno senza stipendio. Non è un caso dunque che la tensione si sciolga proprio allo scadere dell’ anno e che giunga notizia sulla proroga dei contratti in giorni come questi appunto. Da anni i precari regionali sono tenuti sotto scacco proprio dall’incertezza sul loro futuro, un ricatto che garantisce ai politici di turno un inoppugnabile serbatoio di voti a cui poter attingere in caso di elezioni. In realtà la legge della stabilità che blocca di fatto le assunzioni anche per tutto il 2018, è di fatto stata raggirata da una norma regionale che permette di aprire nuovi contratti su tutta la pubblica amministrazione siciliana sia in Regione che nei comuni che in Enti vari.

E’ però giusto ribadire che senza l’ approvazione di questa norma la stabilizzazione dei numerosi precari siciliani non ci sarebbe stata e avremmo avuto un aggravio delle traballanti condizioni economiche di numerose famiglie