MARSALA: il grande freddo nelle scuole e l’intervento del presidente Sturiano

Il freddo congela le menti? Si può studiare battendo i denti e tirando su il naso rosso che gocciola? A Gennaio, si sa, fa freddo e allora perchè non organizzarsi anzi tempo ovvero far sì che gli alunni non restino al freddo sopratutto dopo le vacanze natalizie?

In effetti, il presidente del consiglio comunale Enzo Sturiano ha sollecitato la consegna anticipata dei lavori di manutenzione degli impianti di riscaldamento nelle scuole statali presenti su tutto il territorio marsalese. Per venire incontro alle esigenze degli studenti e dei genitori preoccupati per la salute dei loro figli. Sturiano sa che l’ ultima gara d’appalto per la manutenzione straordinaria delle scuole è stata espletata e ha sollecitato il dirigente del Settore Lavori Pubblici, l’ingegnere Luigi Palmeri, e il funzionario Peppe Giacalone, per procedere con urgenza alla soluzione del “problema freddo”  Anche gli insegnanti delle scuole elementari e medie di Casazze, Paolini, Gurgo, Contrada Ranna, San Filippo e Giacomo, e del giardino d’ infanzia, avevano sollecitato più volte il carattere urgente della situazione.

La preside del Liceo Scientifico la dottoressa Fiorella Florio ha scritto più volte al Libero Consorzio Comunale Trapani (l’ex provincia per intenderci) denunciando il freddo dell’ istituto che lei dirige ma allo stato attuale le sue richieste sono state disattese.

Oggi si è riunita la 2° Commissione Consiliare presieduta dalla consigliera Ginetta Ingrassia e  abnche lì si è affrontato il problema del riscaldamento non funzionante nelle scuole. Le caldaie da collaudare, i termosifoni  non funzionanti, se non addirittura pericolosi, erano già stati segnalati all’ inizio dell’ anno. All’ unanimità la Commissione ha chiesto all’Amministrazione comunale di risolvere il problema anche attingendo al fondo di riserva del sindaco.

La borsa d’acqua calda per scaldare le mani, il plaid sulle gambe, il berretto di lana calato sugli occhi, la sciarpa intorno al collo e il giubbotto infilato non bastano. I ragazzi sentono freddo e di conseguenza calano anche le prestazioni scolastiche. Speriamo bene. Speriamo anche che arrivi presto il caldo.