Il 31 gennaio a Mazara corteo cittadino pro-“Abele Ajello”

Il 31 gennaio, per le vie della città di Mazara del vallo, avrà luogo un corteo cittadino per richiedere con forza l’esigenza di avere una struttura ospedaliera di primo livello.
A scendere in piazza saranno tutte le associazioni di categoria mazaresi fra i cui settori spiccano: volontariato,  pesca, artigianato, edilizia il comitato Pro-radioterapia e l’Associazione Panificatori. La protesta ha origine dalla necessità comune a tutti i cittadini di confermare l'”Abele Ajello” struttura di primo livello e non di base, come prima promesso in fase di campagna elettorale da Regione e Asp e poi l’aver lasciato trapelare le intenzioni di non mantenerla e assegnare la “palma” di primo livello alle strutture di Trapani “Sant’Antonio Abate” e di Marsala “Paolo Borsellino”.
Una manifestazione chiesta a gran voce da parte di tutti i cittadini che hanno ben compreso le incongruenze che presenta il piano della rete ospedaliera il quale peraltro non rispecchia il DM 70 e vede bocciata la città di Mazara nonostante l’imponente struttura e i circa 40 milioni di Euro spesi.
Un corteo organizzato con l’intento di fermare il silenzio della politica cittadina e di sapere quale sarà il destino dell'”Abele Ajello”, macchina sforna “meraviglie” gestita da molti fra coloro i quali avevano l’intenzione di cavalcare i propri interessi politico-economici e che ad oggi si fatica a rendere efficiente per tutta la popolazione dopo anni di attesa.