MARSALA: al via dalla prossima settimana i corsi di robotica pomeridiana per gli alunni delle medie

Mentre a scuola, in questi giorni di freddo artico, si gela, e i pensieri si atrofizzano e le idee stentano a carburare, c’è chi si sforza di dare e fare un buon servizio ai giovani, agli studenti che domani, finite le medie sceglieranno l’ indirizzo scolastico per il proseguimento degli studi.

” Un corso di robotica per gli alunni di scuola media perchè la robotica è il prossimo futuro, anzi è il nostro presente e più che  mai condiziona le nostre vite”. Queste sono parole del prof Tranchida dell’ istituto Tecnico Industriale che insieme ad un altro gruppetto di insegnanti, fra cui Antonino Ilari, nel rientro pomeridiano, tiene il corso di robotica ai ragazzi che vogliono accrescere le loro conoscenze e partecipare anche alle gare nazionali.

L’ anno scorso il corso dedicato ai ragazzini di terza media ha avuto successo. Vi hanno partecipato ottanta alunni e quest’anno la scuola si prepara a bissare il successo. L’ unica nota stonata è l’ assenza delle ragazze che disertano questo corso. Eppure le ragazze usano la tecnologia e sono bravissime nel districarsi nel mondo digitale ma evidentemente c’è ancora qualche antico retaggio culturale da superare. Alle donne nessun settore è precluso e le donne non devono essere escluse da alcun settore, basta che lo vogliano ovviamente.

E così a partire dalla prossima settimana agli alunni che hanno dato la loro adesione sarà data la possibilità di partecipare al corso e magari, se scattasse la scintilla dell’ interesse, diventare campioni nelle gare di robotica che l’ Istituto Tecnico Industriale ogni anno indice.

Anche l’ alternanza scuola-lavoro ha dato buoni risultati. Il tema è come sempre l’ imprenditorialità. Gli alunni simulano la creazione di una azienda e la portano avanti,promuovendola sia sul mercato nazionale che estero. L’ obiettivo è che imparino a prendere confidenza con il mercato, preparandosi a diventare competitivi nei termini che la Legge prevede e consente.