Calcio Eccellenza. A.D. POL. PACECO 1976 – PARMONVAL (2-0)

Nel gelido pomeriggio pacecoto, sorridono ancora una volta gli uomini di mister Massimiliano Mazzara: è di due a zero in favore dei padroni di casa il risultato finale del confronto con la Parmonval di mister Corrado Mutolo. Una gara che ha seguito la falsariga dell’ultimo match giocato dal Paceco, quello di due settimane orsono sempre al “G. Mancuso” contro la Nissa: un primo tempo abulico ed un secondo tempo scintillante. Rinsaldata la leadership in graduatoria, in attesa che la stessa si definisca meglio durante il mese di febbraio, dopo che verranno recuperate le partite lasciate indietro per il cattivo tempo che ha imperversato nelle ultime settimane su tutta la regione. Pronti-via e gli uomini di Mutolo, in tenuta biancoazzurra, divorano la chance più ghiotta dell’intero incontro: al secondo minuto una serie di errori difensivi rossoargento liberano un attaccante ospite davanti alla linea di porta con Keba già battuto, ma questi incredibilmente perde il tempo, conclude in maniera impacciata e Sillay miracolosamente riesce ad intervenire. Il Paceco non si sveglia, ed è ancora la Parmonval ad essere insidiosa: al 15’ topica difensiva di Agate, con Rappa che ne approfitta, avanza verso la porta e spara un tiro che Keba disinnesca. In chiusura di tempo gli unici due squilli del Paceco, quest’oggi in tenuta rossoblu. Al 33’ un diagonale dalla sinistra di D’Aguanno fa la barba al palo sinistro della porta difesa da Ciccio Tarantino, ed al 46’ su angolo di Barraco è Sillay a sfiorare il bersaglio grosso di testa. Durante l’intervallo Mazzara sgrida e catechizza i suoi, vista la ghiotta occasione che si stava profilando in virtù dei confortanti risultati parziali che arrivavano dagli altri campi, ed in campo entra un altro Paceco.

Al 55’ il gol dell’1-0, senza tema di smentita il gol più bello dell’intero campionato: calcio d’angolo, la difesa palermitana allontana, ed il giovanissimo Alessio Virgilio, talentino rossoargento classe 1998 ed oggi schierato titolare anche grazie alla contemporanea assenza di Di Donato, Fricano e Caltagirone, si cordina in un fazzoletto di tempo e di spazio, dai 35 metri colpisce di collo sinistro al volo spedendo un missile diretto verso il “sette” sinistro della porta avversaria, su cui Tarantino non arriva. Esplode la tribuna del Mancuso, ed è il gol che cambia il volto dell’incontro. La parmonval scompare totalmente dalla partita, ed il Paceco ha l’occasione di pungere ancora. Al minuto 73’ su lancio illuminante di Agate, Barraco fa le prove del gol, ma il proprio pallonetto finisce fuori di un soffio. Quaranta secondi più tardi, invece, l’esperto talento laziale sigla il 2-0 che di fatto mette in ghiaccio la partita ed il consolidamento della prima posizione in classifica. In chiusura, da segnalare una lieta notizia: il rientro in campo di Marco Cumbo, dopo uno stop per un brutto infortunio che lo ha costretto ai box per tre mesi.

A.D. PACECO CALCIO 1976: Keba (’97), Virgilio (’98), Sillay, Barraco (91’ Messina F.(’99), Agate, Bognanni, Parisi (K) (88’ Cumbo), Scarpitta, Iovino (77’ Marino), Terranova, D’Aguanno.

A disposizione: Ernandez, Fonte (’00), Kondjra (‘97), Catalano (’99).

Allenatore: Massimiliano Mazzara.

PARMONVAL: Tarantino F., Sidoti (60’ Gambino), Grillo (J), Tarantino I. (K), Zannitti, Caronia, La Martina (J), Sposito, Lentini, Rappa, Messina D.

A disposizione: Militello, Cardovino, Cipolla, D’Amore, Bellante, Causa. Allenatore: Corrado Mutolo.

Arbitro: Sig. Beldomenico sez. di Jesi (An) Ammoniti: Barraco, Iovino (P); Sposito (P)

Espulsi: nessuno

Reti: Virgilio 55’ (P), Barraco 73’ (P) Spettatori: 150 circa