Motopesca di Mazara interviene in soccorso di più di 100 migranti davanti la Libia

Foto primapaginamazara.it

Un gommone con a bordo circa 150 migranti è stato avvistato e soccorso grazie agli uomini della marineria mazarese a circa 25 miglia dalla costa libica. A segnalarlo alle autorità e stato lo stesso equipaggio del peschereccio Giulia PG, peraltro reduce da un recente episodio di sequestro in acque internazionali dalle parti di Malta, per mano del Comandante e Armatore del motopesca Domenico Asaro. L’imbarcazione si trovava vicina al peschereccio Sicula pesca a 33° 27’ nord e 0,12° 58’ est in acque internazionali per svolgere normale attività di pesca di gambero rosso. Una volta avvistato il gommone, Asaro ed il suo equipaggio hanno subito avvertito le autorità marittime che sono immediatamente venute in soccorso dei migranti. Un intervento, quello del peschereccio Giulia PG, che sottolinea ancora una volta il sacrificio e le dovute attenzioni prestate da parte dei pescatori mazaresi, soprattutto quando i pescherecci italiani si trovano in acque internazionali, a dispetto dei continui attacchi e sequestri che gli operatori marittimi devono costantemente subire nel svolgere il proprio lavoro, in un mare che ad oggi appare sempre meno “nostrum”. Le ultime in ordine di tempo,sempre nella stessa zona, quelle ai danni delle imbarcazioni Principessa prima, Grecale ed Antartide.
L’Ue infatti, non ha ancora riconosciuto la zona economica libica vietata alla pesca che si estende a 62 miglia oltre le 12 convenzionali. Asaro ed il suo equipaggio, erano peraltro stati protagonisti in Libia di un episodio di sequestro avvenuto nel 2012.
Non è ancora nota la destinazione dei migranti soccorsi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.