sabato, Aprile 13, 2024
HomeCronacaANTIMAFIA: concluse le indagini sulla giudice Silvana Saguto che amministrava i beni...

ANTIMAFIA: concluse le indagini sulla giudice Silvana Saguto che amministrava i beni della mafia

Le ipotesi di reato contestate dalla Procura di Caltanissetta alla giudice Saguto, al marito Lorenzo Caramma e al figlio Emanuele,  al docente universitario Carmelo Provenzano,  tutti complici del lucroso sistema, sono tante e tutte gravi. Vanno dalla corruzione, al falso, all’abuso di ufficio, alla truffa aggravata. In modo particolare, i giudici avrebbero trovato le prove di due mazzette consegnate sia all’ amministratore giudiziario Seminara sia alla giudice, una di 20 mila euro e una di 26,500 consegnate fra il Novembre del 2014  e il Giugno del 2015. Per anni la giudice ha ricoperto il ruolo di presidente della sezione che si occupa della gestione dei beni sequestrati e confiscati alla mafia e l’ha gestita scegliendo, secondo l’accusa, gli amministratori chiamati a gestire gli immensi patrimoni dei boss, e come ricompensa per aver ottenuto simili incarichi, l’ avrebbero ricompensata con soldi, regali, favori. Nella lista degli indagati vi sono altri giudici tra cui Tommaso Virga ex componente del CSM e il figlio Walter, Fabio Licata, Lorenzo Chiaramonte e l’ex prefetta di Palermo Francesca Cannizza. Persino Rosolino Nasca, un tenente colonnello della guardia di finanza è coinvolto nelle indagini.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

ULTIME NEWS