Marsala, giochi d’azzardo e scommesse, allarme sociale

Ogni strada ha la sua sala scommesse, luogo in cui è possibile giocare d’azzardo senza limiti di orario nè di denaro. Dall’esterno sono quasi tutte uguali, cambia soltanto il nome ma di fatto hanno in comune una cosa, la ludopatia, patologia che spesso affligge i frequentatori abituali di queste sale, che giocano d’azzardo e scommettono su qualsiasi cosa nella speranza di vincere, ossessivamente.  Per arginare questo male sociale, il meetup ” Movimento 5 Stelle Marsala” ha proposto attraverso il suo portavoce Aldo Rodriguez un atto di indirizzo al consiglio comunale e rivolto anche agli operatori sociali e alle forze dell’ordine per  promuovere incontri di informazione e formazione di operatori che a vario titolo potranno prendere provvedimenti volti a contrastare un fenomeno purtroppo in espansione.

Secondo quanto dichiarato da Rodriguez sarebbe opportuno vietare il gioco prima dei 18 anni e regolamentare il numero delle sedi nel territorio dove poter giocare d’azzardo e dislocarle lontano dalle scuole e dalle sedi di raduno giovanili non consentendo l’apertura di tali esercizi in un raggio di 500 metri. Inoltre, sarebbe opportuno stampare supporti cartacei e elettronici relativi relativi all’infomazione corretta della dipendenza da gioco d’azzardo ed esporle negli esercizi dedicati a tali attività. Il gioco dovrebbe essere limitato in una fascia oraria compresa fra le ore 14.00 e le  ore 18:00 e poi dalle 20.00 alle 24.00.