Quote tonno Favignana, la senatrice Orrù interviene in aula al Senato

La senatrice del PD Pamela Orrù è intervenuta in aula al Senato per sollecitare al Governo a rispondere all’interrogazione, da lei presentata lo scorso 29 giugno 2016, riguardante la ripartizione delle quote tonno assegnate dall’Unione Europea all’Italia. In particolare Orrù sottolinea la mancata assegnazione di quote tonno alla Regione Siciliana e, specificatamente, alla tonnara fissa di Favignana, una delle più antiche del nostro Paese.

La ripartizione delle quote tonno, oltre che argomento dell’interrogazione, è stata oggetto anche di altre iniziative della parlamentare trapanese, tra cui la lettera inviata al ministro e al sottosegretario con delega alla pesca il 7 gennaio 2016 e una precedente interrogazione, presentata il 22 marzo 2016, alla quale il Governo, pur avendo annunciato risposta nel corso della seduta del 23 giugno dello scorso anno, non ha in quella sede affrontato l’argomento.

“L’intervento in Aula – sottolinea la senatrice Orrù – è stato un passaggio obbligato dato che non è possibile accettare da parte del Ministero la totale mancanza di interesse nei confronti non solo della problematica ma anche di un territorio – il mio territorio – che ha una tradizione importante legata alla pesca del tonno e alla sua lavorazione, che fanno parte, da generazioni, anche del patrimonio culturale e storico della popolazione trapanese”.

Nel suo intervento la senatrice del PD ha sottolineato che, per il 2017, l’Unione Europea ha stabilito un aumento del 20 per cento delle quote tonno destinate all’Italia che il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali dovrà ripartire, a breve e secondo la normativa europea, tra tutte le Regioni italiane nelle quali si pratica questa tipologia di pesca. In questo quadro può ben inserirsi la rivitalizzazione della tonnara di Favignana.