Crocetta: «Sono il presidente della Regione, ho tutto il diritto di nominare chi voglio»

«Capisco che qualcuno della maggioranza non abbia gradito certe scelte, ma io sono il presidente della Regione e ho diritto di prendere le decisioni, perché la faccia alla fine ce la metto io». Con queste parole Rosario Crocetta cerca di sedare i contrasti in vista delle nomine per le poltrone che contano e intende mettervi uomini di sua fiducia, da Ingroia a Fiumefreddo passando per il tunisino Sami Ben Abdelali. E’ un modo per tirare dritto senza badare alle ingerenze e alla critiche. Sicilia futura, a partire da Salvatore Cascio, ad esempio, non ha per nulla gradito la scelta di nominare Ben Abdelali all’ Ircac e oltretutto dopo averlo fatto transitare nell’ufficio di gabinetto della assessora Luisa Lantieri. Ingroia andrebbe a Sicilia digitale e Fiumefreddo a Riscossione Sicilia, mentre Gaetano Montalbano alla Seus. E anche se Crocetta alza la voce, nel frattempo tratta. All’ Istituto Vino e Olio lascia campo libero ad Antonello Cracolici (è in pole position Vincenzo Cusumano, dirigente dell’Agricoltura), mentre sulla Crias lascia scontrarsi Sicilia futura e i Centristi di Gianpiero D’Alia. Domani Crocetta potrebbe nominare il nuovo dirigente generale dell’Urbanistica: in pole Manlio Munafò, nome gradito al “cerchio magico” ed ex commissario della Provincia di Palermo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.