No della Regione al trasferimento a Favignana di un centrale elettrica

Firmato dall’Assessorato regionale Territorio e Ambiente il provvedimento che sospende l’iter amministrativo per un eventuale trasferimento della centrale elettrica a Favignana e la relativa variante urbanistica di competenza del Consiglio Comunale, così come richiesto dal sindaco delle Egadi, Giuseppe Pagoto. E’ quanto è emerso  nel corso dell’audizione in quarta commissione all’ARS. ‎Per il Comune era presente oltre al sindaco anche il Presidente del Consiglio Comunale, Ignazio Galuppo.

“L’audizione in Commissione è’ stata un’altra occasione di confronto fra tutte le posizioni. Ritengo – dice il primo cittadino, Pagoto – che l’assessore Croce nelle scorse settimane abbia individuato un percorso corretto auspicando l’istituzione di un tavolo tecnico per individuare la soluzione mentre le ipotesi  in campo rimangono: il miglioramento e mantenimento dell’attuale sito, la definizione di un progetto di interconnessione con cavidotto, e, in ultimo, il trasferimento in un altro sito della centrale, sfruttando le nuove tecnologie ed abbattendo le emissioni facendo ricorso alle fonti alternative. Valuteremo ed approfondiremo ogni singola ipotesi nell’interesse complessivo di tutta la comunità in considerazione anche delle nuove norme sull’approvvigionamento energetico nelle isole minori e della crescente sensibilità a tali argomenti. Nella giornata di oggi, tra l’altro – conclude Pagoto – abbiamo ricevuto conferma direttamente dall’amministratore delegato di Terna, della loro disponibilità a definire un progetto di cavidotto. Riteniamo che sia importante lavorare su più fronti in accordo con l’Assessorato e tutti gli enti preposti per approfondire ogni aspetto tecnico in considerazione anche delle nuove normative e delle nuove strategie sulla produzione dell’energia”.