Salemi e Mazara, due arresti per spaccio di droga e maltrattamenti in famiglia

Con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, i militari della Stazione di Salemi hanno arrestato Carmelo Armata. Durante una perquisizione nell’abitazione in cui viveva, i militari dell’arma hanno trovato 1 kg di  marjuana che, se fosse stata immessa nel mercato illegale, avrebbe fruttato la somma di 7000 euro circa.

Lo stupefacente è stato ritrovato suddiviso in più sacchetti di plastica insieme ad un bilancino di precisone e diverse centinaia di euro in contanti ritenute di provenienza illecita.  Il giovane salemitano adesso si trova nelle carceri di Trapani; l’uomo, infatti, al momento del controllo, stava scontando presso il suo domicilio la misura degli arresti domiciliari proprio per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti. Alla vista dei tutori dell’ordine, avrebbe assunto un atteggiamento “sospetto” tanto da indurre i militari a perquisire l’abitazione.

La campionatura della marjuana sequestrata- fanno sapere i carabinieri- verrà inviata presso i laboratori competenti per esperire  le analisi di rito al fine di accertare la quantità di principio attivo.

A Mazara del Vallo, invece, i militari dell’Aliquota Radiomobile, hanno arrestato un trentenne per il reato di maltrattamenti in famiglia. Nella giornata del 20 marzo è stata eseguita un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare nei confronti di un uomo che era già stato sottoposto al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa e che nonostante ciò ha continuato a violare le prescrizioni del giudice e reiterare condotte vessatorie e minacciose nei confronti della vittima