Marettimo, lavori allo Scalo Nuovo

Al via alcuni importanti lavori di riqualificazione urbana a Marettimo, assieme a dei lavori di ripristino della funzionalità delle banchine con interventi di riparazione del Molo sottoflutto dello Scalo Nuovo danneggiato dalle mareggiate, oltre che alla messa in sicurezza della Torre Faro danneggiata al molo San Leonardo di Favignana. Ad eseguirli sarà la ditta aggiudicataria dell’appalto “Terramare srl di Messina”. Tali lavori si rendono necessari a causa dei danni provocati dalle precipitazioni e mareggiate continue che tra il 17 febbraio e il 10 aprile 2015 hanno causato danni diffusi e criticità nell’intero territorio regionale oltre che ai porti, alle infrastrutture viarie e ferroviarie, al comparto agricolo e produttivo e alle strutture pubbliche e private, per i quali è stato dichiarato lo stato di emergenza con deliberazione del Consiglio dei Ministri del 18 maggio 2015. I lavori permetteranno di procedere al ripristino della funzionalità dello Scalo Nuovo di Marettimo per consentire l’attracco in sicurezza dei mezzi di trasporto, e alla messa in sicurezza della Torre Faro a Favignana.

A disporre il finanziamento di 250 mila euro per i porti di Marettimo e Favignana, per l’attuazione degli interventi urgenti,era stato il Capo Dipartimento della Protezione Civile, con ordinanza del 30 maggio 2015. In particolare a Marettimo su tre aree del porto verranno predisposti, a seguito di un progetto redatto dall’ufficio Opere Marittime del Provveditorato per le Opere Pubbliche, per conto del Comune di Favignana, una serie di interventi di consolidamento strutturale delle banchine con: micropali, getti subacquei e sovrastruttura in cemento armato, oltre alla collocazione di nuovi anelloni e bitte nel molo dello Scalo Nuovo. Poi verrà effettuato un intervento di ripristino della condotta idrica di adduzione e di riqualificazione del muro paraonde con sedute in legno teak.
«Un risultato più volte sollecitato e che attendevamo – dice il sindaco, Giuseppe Pagoto – che si inserisce pienamente nell’ambito delle attività che l’Amministrazione sta portando avanti per i porti delle isole”.