Il finanziamento della Biblioteca Fardelliana approda all’Ars

Si apre uno spiraglio per il futuro di uno degli enti culturali trapanesi più importanti che, a causa della mancanza di risorse economiche, rischia di chiudere definitivamente. Il Governo Regionale, nel corso della discussione in commissione bilancio, propedeutica alla discussione d’aula della legge di stabilità, ha recepito e fatta propria la proposta del deputato regionale Girolamo Fazio che dispone un finanziamento per le biblioteche regionali. L’assessore Alessandro Baccei, accogliendo l’indicazione del deputato Fazio, più volte reiterata in considerazione della particolare situazione in cui versa la Fardelliana, e recuperando la relativa norma che era stata inizialmente stralciata dal presidente dell’ARS, ha predisposto un finanziamento di 200mila euro, inserito al capitolo 377306. Una assegnazione di somme destinata non specificamente alla Fardelliana ma a tutte le biblioteche regionali siciliane, poiché la norma deve essere astratta e non può avere una indicazione di destinazione specifica.

«Ringrazio l’assessore Alessandro Baccei per la sensibilità e per aver accolto una istanza che è giunta da tutto il territorio trapanese – ha commentato l’on. Fazio – . Sono contento del risultato conseguito che apre uno spiraglio di speranza per la Fardelliana nonostante le pessimistiche e rinunciatarie affermazioni del sindaco Damiano. Altri colleghi della deputazione trapanese, inoltre, hanno proposto con apposito emendamento, di impinguare questo stesso capitolo di altri due o trecentomila euro. Emendamento che farò mio e che sosterrò. Confido in un esito positivo del voto d’aula; sarebbe un segnale importante per la nostra biblioteca».

Nei giorni scorsi il sindaco Vito Damiano ha trasmesso alla Regione copia del documento con il quale la Deputazione della Biblioteca ha preso atto dell’avvio del procedimento di licenziamento del personale. La Biblioteca infatti con i soli soldi del Comune, visto il venir meno del finanziamento dell’ex Provincia Regionale, non è nelle condizioni economiche di poter svolgere la sua attività. Da inizio mese, ai tredici lavoratori precari, che prestavano servizio da anni presso l’Ente, non sono stati rinnovati i contratti di lavoro. La Fardelliana è, al momento, aperta un’ora al giorno, a causa della mancanza di personale.