Tragedia alla targa Florio, oggi l’autopsia sul corpo di Mauro Amendolia, gravi le condizioni della figlia

L’ esame autoptico sarà eseguito oggi sul corpo di Mauro Amendolia, il cinquantaquattrenne pilota di rally morto venerdì durante la terza prova speciale della prima tappa del rally Targa Florio, valido per il campionato italiano. In questo tragico incidente è rimasto coinvolto anche il commissario di gara Giuseppe Laganà di 56 anni, morto a seguito delle ferite riportate dallo scontro con la mini Cooper guidata da Amendolia che l’ha investito. L’autopsia servirà a fare chiarezza sulle motivazioni che hanno portato Amendolia a perdere il controllo del mezzo sul rettilineo. Nell’auto c’era anche la figlia Gemma, 27 anni, che si trova ricoverata in stato di coma profondo nel reparto di rianimazione dell’ospedale Civico di Palermo.
 

I risultati dell’autopsia serviranno a pm Paolo Napolitano

della Procura di Termini Imerese, che coordina l’inchiesta, ad accertare le caise della tragedia. Non si sa se l’uscita di strada dell’auto da corsa sia stata dovuta a un malore del pilota o al nevischio sulla strada.

Intanto sono ancora gravi le condizioni di Gemma Amendolia, 27 anni, la figlia del pilota, navigatrice dell’equipaggio. La donna è