Marsala, arrestato nuovamente il ghanese che aggredì una coppia di anziani. Stavolta ha molestato i passanti a Porta Nuova

Ibrahim D'ALì

Marsala (TP) – Colpisce ancora il ghanese ventiduenne ospite di una comunità marsalese già noto alle forze dell’ordine per le sue scorribande cittadine notturne e anche diurne. Lo scorso 16 maggio era stato arrestato dalla polizia per aver causato una violenta rissa nel centro di accoglienza che lo ospita e in seguito era stato espulso per violenza e danneggiamenti alla struttura dopo che la sua richiesta di ottenere l’asilo politico era stata respinta. Nel suo girovagare, qualche giorno dopo  ha rubato nei pressi delle “due rocche”, piccola spiaggia in località Capo Boeo, una bicicletta da donna. Lunedì 29 maggio però è giunta la segnalazione di un cittadino alla Questura che denunciava la presenza di un immigrato di colore che molestava i passanti a Porta Nuova, piazza frequentatissima nel centro della città di Marsala e quando gli agenti di una volante sono arrivati sul posto, Ibrahim ha tentato la fuga ma è stato raggiunto ed identificato. Alla perquisizione personale è stato trovato in possesso di un coltello vietato con lama di 9 cm. Portato in commissariato si è mostrato ostile nei confronti dei poliziotti ed ha tentato nuovamente la fuga, aggredendo in questa fase uno degli agenti che è caduto a terra mentre un altro è stato morso dal ghanese alla mano. L’agente morso ha ricorso alle cure mediche dell’ospedale “Paolo Borsellino” di Marsala ed è stato giudicato guaribile in cinque giorni salvo complicazioni. La stessa sera del 16 maggio aveva tentato di introdursi nell’abitazione di due anziani (leggi qui) coniugi che terrorizzati avevano avvisato le forze dell’ordine.