Trapani, la Procura chiede i domiciliari per Fazio

Girolamo Fazio

La Procura di Trapani ha depositato questa mattina al Tribunale del Riesame il ricorso contro il provvedimento del Gip che lo scorso 3 giugno ha revocato i domiciliari e rimesso in libertà Mimmo Fazio, candidato a sindaco di Trapani, indagato per corruzione e traffico di influenze nell’ambito dell’inchiesta “Mare Monstrum”.

Nei giorni scorsi la notizia era già trapelata su alcuni siti internet ma dall’ufficio stampa del candidato sindaco avevano spiegato che non era stato notificato niente ai legali di Fazio e che quindi la notizia era infondata.

I PM trapanesi, dove è stata stralciata per competenza l’inchiesta partita da Palermo, avrebbero ritenuto non sufficiente le spiegazioni date in sede di interrogatorio di garanzia dell’ex sindaco di Trapani e dunque ancora nelle condizioni di reiterare il reato e di inquinare l’indagine, cosi come il codice prevede in sede di misure cautelari.

Fazio, che ha ottenuto 10.566 voti, pari al 31,78%,  andrà al ballottaggio con il candidato del Pd Piero Savona.