Palermo, incassa per otto anni la pensione della madre defunta, condannata

Il gup del tribunale di Palermo, Nicola Aiello, ha condannato a un anno di reclusione Angelina Costanza, accusata di truffa all’INPS per aver incassato per otto anni la pensione della madre defunta nel un periodo compreso fra il 2006 e il 2014. Costanza non potrà usufruire della sospensione condizionale della pena perché aveva subito una condanna per un’altra truffa. La donna aveva incassato indebitamente per anni la pensione di un’altra defunta, una vicina di casa di cui lei aveva la delega per ritirare l’assegno alla posta. In quel caso era stata condannata a un anno e otto mesi. La reiterazione del reato, non le consentirà dunque di usufruire della condizionale.