Mafia, trovata pistola nella tomba di Badalamenti il boss “pazzo” capo di Porta Nuova

Palermo – Le nuove rivelazioni del pentito di cosa nostra Giovanni Bonomolo hanno fatto riesumare il corpo del boss Agostino Badalamenti morto nel 2005. L’uomo comandava il mandamento mafioso di Porta Nuova ed era stato sepolto nel cimitero di Santa Maria di Gesù. All’interno della bara sono stati ritrovati una pistola a tamburo e una borsa contenenti altri oggetti. Badalamenti era stato arrestato in flagranza di reato per l’omicidio di Michele Lipari il 22 agosto 1979, si era finto pazzo riuscendo a ottenere la semi infermità mentale. A seguito di questo era stato rinchiuso nel manicomio giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto per 18 anni. Nel 1999 ù zù Binnu Provenzano lo aveva nominato reggente del mandamento più importante della città. Sarebbe stato lo stesso Bonomolo a mettere pistola e altri oggetti nella bara di Badalamenti. Ora gli inquirenti dovranno stabilire se la pistola è stata usata per commettere delitti.