Turiste russe arrestate a Palermo, rubano alla Rinascente e corrompono poliziotto

Doveva essere una vacanza nella calda isola di Sicilia, lontane dalle fredde lande natie e invece, due turiste russe, madre e figlia, ne hanno approfittato per fare man bassa di vestiti e accessori firmati trafugati alla Rinascente di via Roma a Palermo. Le due donne sono entrate nel noto negozio palermitano e munite di taglierini, nascosti nelle borse, hanno rimosso le placche antitaccheggio della merce esposta negli stands. Sono riuscite ad impossessarsi così di due vestiti firmati e un paio di jeans del valore di 1.200 euro trovati nelle borse dagli agenti di polizia che le hanno fermate mentre tentavano di raggiungere la loro auto per tornare a Cefalù dove avevano affittato una stanza d’albergo. I poliziotti sono stati avvisati da una guardia giurata che si è accorta di quanto stava accadendo alla rinascente. Le due ladre, hanno anche tentato di corrompere un poliziotto offrendogli cento euro di mancia in cambio di ammorbidire, per così dire, la loro posizione.