Marsala, titolare di un supermercato condannato a 5 anni e mezzo per estorsione

Cinque anni e mezzo di carcere sono stati inflitti dal giudice monocratico del tribunale di Marsala, Lorenzo Chiaramonte, al titolare di un supermercato Conad di Marsala, il cinquantatreenne Giovanni Costantino. L’accusa per cui lo stesso titolare era andato a processo è pesante. Costantino si sarebbe reso responsabile del reato di estorsione ai dipendenti, i quali, percepivano uno stipendio inferiore a quanto dichiarato in busta paga. Questo avveniva sotto la minaccia di licenziamento qualora non avessero accettato, un ricatto bello e buono in un tempo di crisi economica forte. Per lo stesso reato sono stati condannati Andrea De Maria, 47 anni e Giuseppe Casano, 53 anni. De Maria è stato condannato a 5 anni e Casano a 3 anni e 7 mesi. A 11 lavoratori Costantino avrebbe estorto denaro avendo come complice De Maria nel punto vendita di contrada Matarocco “Margherita affiliato Conad”. Assieme a Casano, Costantino, avrebbe estorto denari ad altri 4 dipendenti che lavoravano nel punto vendita di contrada Spagnola. Casano avrebbe anche anche procurato lesioni guaribili in 10 giorni ad un dipendente che aveva afferrato al collo per minacciarlo dopo averlo rinchiuso dentro una cella frigorifera. I fatti risalgono al 2009 e adesso è stata emessa la sentenza del processo.