Tagli ai voli da Birgi, Santangelo: «Chi paga i danni?»

Il portavoce del  M5S al Senato Vincenzo Maurizio Santrangelo dopo l’annuncio della compagnia irlandese Ryanair, dell’ennesimo pesante taglio di voli su ben sette tratte, tra cui il Roma Fiumicino, nella programmazione invernale, torna sull’argomento interpellando urgentemente il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti.
Per il portavoce “è un danno immenso per il turismo e per tutta l’economia del nostro territorio, oltre che per le migliaia di Trapanesi che normalmente utilizzano l’aereo per lavoro o studio”. “Questa è una ulteriore beffa per il territorio trapanese- aggiunge-, per questo motivo ho chiesto che venga innanzitutto, quantificato il danno erariale arrecato dalla cancellazione dei voli nello scalo aeroportuale”. Per Santangelo “serve sapere pure con chi la compagnia Ryanair abbia concordato questi tagli”. “Tutto questo- continua- denota la mancanza di rispetto nei confronti del territorio, dei passeggeri, per non parlare del rispetto nei confronti dei contratti stipulati con Airgest e con i comuni per il co-marketing.
Non è così che si fa la promozione turistica del territorio per come promesso, non è questo l’impegno che aveva assunto dicendo mesi fa di far arrivare più passeggeri a Trapani e d’intorni, anzi tutto il contrario. Adesso- sottolinea Santangelo- chi di dovere si assuma la responsabilità a qualsiasi livello e grado, Airgest inclusa, per non parlare della stessa Regione siciliana socio di maggioranza”. Insomma per il portavoce del Movimento 5 Stelle “quel che sta accadendo con Ryanair e all’aeroporto di Trapani-Birgi è assurdo.”