Usura, arrestati padre e figlio a Giardini Naxos

113

I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Messina, nelle prime ore
della mattinata, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di due persone, padre e figlio, entrambi residenti a Giardini Naxos.
La misura, che prevede la detenzione in carcere per il padre e gli arresti domiciliari per il
figlio, è stata disposta dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Messina. I due, erano dediti all’usura e da questo ricavavano proventi redditizi ai danni di imprenditori in difficoltà economica.
Le Fiamme Gialle, inoltre, hanno notificato agli indagati anche un provvedimento di
sequestro di beni mobili ed immobili e denaro depositato in conti correnti bancari, per un
importo complessivo di oltre 300.000,00 euro.
Tale patrimonio, individuato al termine di specifici accertamenti economico-finanziari, è
stato ritenuto essere il profitto dell’attività illecita posta in essere nel corso del tempo.
Durante le indagini è emerso anche che il padre, essendo agli arresti domiciliari, aveva
dato incarico al figlio di proseguire nella illecita attività facendogli fissare appuntamenti,
eseguire reiterate visite agli usurati e, talvolta, farli accompagnare presso il proprio
domicilio.
Le accurate investigazioni e le molteplici dichiarazioni raccolte, hanno permesso di
tracciare dettagliatamente il sistema criminoso messo su dagli indagati che, in
maniera continuativa, dal 2014 al 2016, hanno elargito finanziamenti a tassi usurai,
quantificati, complessivamente, in € 165.000,00.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.