Regionali, Enzo Testagrossa in tv: la gente vuole risposte e non demagogia

149
Testagrossa: «andiamo al concreto dei problemi senza perdere tempo. La gente vuole risposte e non demagogia».

Battagliero e determinato l’incontro televisivo a Telesud fra il candidato Enzo Testagrossa di “Noi con Salvini” che appoggia la lista “Nello Musumeci presidente” il quale si è mirabilmente confrontato con l’avvocato Domenico Messina candidato con la lista “Siciliani liberi” e Antonio Pierucci di AP.

Testagrossa conosce il mondo dell’economia e del mercato in quanto commercialista e segretario provinciale di Unail, ed ha approfittato del dibattito televisivo in onda su Telesud “Seconda Repubblica” per ribadire ciò che è necessario per fare ripartire il nostro Paese a partire proprio dalla Sicilia che è e resta “laboratorio nazionale”. Per Testagrossa è necessario più che mai dare le  risposte tanto attese dai cittadini e che sono state finora disattese dalla politica spesso inconcludente e demagogica che parla più per slogan e dimentica di mettere sul piatto la concretezza necessaria.
«C’è un’ampia fascia di popolazione che fa fatica ad arrivare alla fine del mese e la politica dovrebbe interessarsi di questo. La povertà è cresciuta nel nostro Paese sia al nord che al sud per questo dico che l’Italia è tutta sud rispetto a prima e rispetto anche a Bruxelles. Non ha più senso parlare di differenze ma di scelte che avvantaggeranno tutta la Nazione». Con queste parole Testagrossa ha risposto ai due candidati presenti i quali hanno sottolineato la “nordica” origine del movimento “Noi con Salvini” di cui lo stesso candidato trapanese fa parte. Testagrossa ha risposto che « il movimento non si chiama più Lega Nord segno che Matteo Salvini  è stato capace di trasformare un partito di nicchia e ancorato solo alla pianura padana e farne un movimento nazionale capace non soltanto di analizzare i problemi che attanagliano la Penisola ma di saperli anche risolvere. Siamo così bravi ad accogliere i migranti e anzi abbiamo messo su un’intera economia su questa emergenza. Mi piacerebbe che la stessa efficacia e solerzia venisse posta per sviluppare la nostra industria più redditizia e meno inquinante, ovvero il turismo».
Il candidato Messina ha ribadito spesso il concetto di “sicilinianità”, di distanza e differenza fra nord e sud e Testagrossa ha invece ribadito che «semmai è il caso di parlare di federalismo fiscale e di risorse regionali che dovrebbero restare nella zona in cui sono prodotte a beneficio dei cittadini».
Uno scontro di tutto rispetto che ha fatto luce su alcuni punti oscuri e che ha tolto dubbi sull’impegno sociale di chi, come Enzo Testagrossa, ha le carte in regola sia per mestiere che per impegno politico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.