Voto di scambio politico-mafioso, chiesti due anni per Polizzi

346

Sono due gli anni di carcere chiesti a gran voce dal PM Carlo Marzella a scapito del campobellese Pietro Luca Polizzi, 36 anni. Quest’ultimo infatti, è accusato di voto di scambio politico mafioso ed era stato arrestato nel dicembre del 2013 nel corso dell'”Operazione Eden”. Successivamente era stato scarcerato e posto ai domiciliari. Il padre è  Nicolò Polizzi, presunto boss mafioso di Campobello di Mazara condannato a 8 anni e 2 mesi di reclusione nell’ambito dei processi a rito abbreviati chiesti dai coinvolti nell’operazione Eden. Lo stesso pm, durante l’arringa, ha sottolineato che non ci sono prove del metodo mafioso usato per trovare voti e che lo stesso giovane Polizzi non è associato a Cosa Nostra. Secondo l’accusa, Pietro Luca Polizzi avrebbe aiutato Aldo Roberto Licata a trovare voti per la sorella di quest’ultimo, Doriana, candidata alla regionali del 2012 con il “Partito dei Siciliani-Mpa.

A Campobello di Mazara, avrebbero acquistato voti sborsando 50 euro per una preferenza, mentre, per 500 voti, avrebbero speso fino a 15 mila euro. Doriana Licata, nonostante i 4.686 voti raccolti, non fu eletta all’ARS. Polizzi, per procacciare voti, si sarebbe rivolto a Gianfranco Giannì, di Trapani e a Pietro Centonze, di Marsala, personaggi contigui alla mafia. Qualche sera dopo le elezioni del 28 ottobre del 2012, i carabinieri fermarono all’uscita del ristorante di Campobello, Sole Luna, Pietro centonze, il quale, aveva in tasca dodici mila euro in contanti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.