Assolto tunisino accusato di rapina aggravata dopo 13 mesi di carcere

177

Il Tribunale di Marsala lo ha assolto dall’accusa di rapina aggravata che fra carcere ed arresti domiciliari gli era costata tredici mesi di reclusione. Si sono aperte le porte del carcere per il tunisino Riadh Ouerghi, 31 ANNI, residente a Mazara e di professione pescatore. Il PM aveva chiesto per lui cinque anni di carcere ma è stato rimesso in libertà.  L’avvocato Simone Bonanno, difensore di Ouerghi, è riuscito a dimostrare che non è stato il suo assistito a rapinare la sera del 30 maggio 2016 l’ottantenne titolare di un negozio di mobili mentre stava per chiudere. Il negozio si trova a Mazara in via Giovanbattista Asaro. Quella sera, l’anziano commerciante venne gettato a terra e spinto all’interno del suo esercizio commerciale dove venne bastonato e legato con dei cavi elettrici. I ladri gli portarono via 400 euro, una fede d’oro e un telefonino. Adesso le indagini ripartono da zero. Al vaglio degli investigatori le riprese delle videocamere di sorveglianza.