Muore folgorato mentre ruba rame, denunciato il complice

207

I carabinieri della Stazione Carabinieri di Borgo Annunziata, località vicino Trapani, hanno denunciato in stato di libertà per il reato di tentato furto aggravato O.F. trapanese di 22 anni. I carabinieri hanno ricevuto una telefonata  alla centrale operativa, e sono intervenuti presso l’area dismessa ex “ASI” di Contrada Milo, perché era stata segnalata la presenza di un morto.
Giunti sul posto, i Carabinieri, hanno identificato il cadavere. Si trattava di S.M. trapanese di 34 anni, già noto alle forze dell’ordine.

I rilievi, eseguiti da personale della Sezione Investigazioni Scientifiche del
Comando Provinciale Carabinieri di Trapani, e l’ispezione cadaverica eseguita
dal medico legale dell’ASP intervenuto sul posto, hanno permesso di stabilire che l’uomo fosse morto a seguito di una scarica elettrica mentre tentava di rubare i fili elettrici di rame. probabilmente pensava che non vi fosse pià corrente nel capannone. Durante la notte si era recato insieme al malcapitato complice presso l’ex ASI con l’intento di rubare cavi di rame e, proprio nel tentativo di asportare i cavi elettrici da una cabina di
trasformazione elettrica da 20.000 kilowatt, S.M. è rimasto folgorato
decedendo sul colpo nonostante i suoi tentativi di rianimarlo.

I

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.