Furti, spaccio e coltivazione di canapa indiana, 5 arresti nel catanese

Massimiliano mirabella

I Carabinieri della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato nella flagranza due catanesi di 25 e 36 anni, ritenuti responsabili di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Ieri sera, gli uomini del Nucleo Operativo addentrandosi in Piazza Alonzo Di Benedetto, alle spalle di Piazza Duomo, hanno fermato e perquisito i due fratelli rinvenendo e sequestrando delle dosi di marijuana, del peso complessivo di circa 22 grammi, 480 euro in contanti, ritenuti l’incasso per la droga venduta,  e due buste di plastica contenenti residui di marijuana comprovanti la precedente attività di spaccio.

Gli arrestati attenderanno il giudizio per direttissima relegati nelle rispettive abitazioni.

 

I Carabinieri della Tenenza di Misterbianco hanno arrestato nella flagranza di reato un ventunenne del posto, ritenuto responsabile di furto aggravato.

I militari di pattuglia, nel corso di un normale servizio mirato alla prevenzione e repressione dei reati predatori in genere, hanno fermato  il giovane in Via Pilata di Misterbianco mentre lo stesso si trovava alla guida  di uno scooter “Honda SH 300”, risultato rubato poco prima dal parcheggio prospiciente il parco commerciale “Centro Sicilia”.

Il mezzo è stato restituito al legittimo proprietario mentre l’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del rito per direttissima.

 

I Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato nella flagranza il trentaduenne Massimiliano Mirabella e la convivente di 23 anni, ritenuti responsabili di coltivazione illecita di sostanze stupefacenti.

Avevano acquistato un “Grow Box” per trasformare il loro garage in una piccola piantagione di canapa indiana con tanto di sistema di illuminazione ed aerazione.

Accedendo nel locale i militari hanno rinvenuto e sequestrato: 10 piante di canapa indiana,  2 flaconi di concime chimico per coltivazioni indoor, circa 15 grammi di “marijuana”, già suddivisa in dosi, nonché 100 grammi circa ancora in fase  di essiccazione.

L’uomo, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Caltagirone mentre la compagna è stata posta agli arresti domiciliari.

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.