Girgenti Acque: 73 indagati per associazione a delinquere, truffa, corruzione e inquinamento

La Procura di Agrigento ha notificato 73 avvisi di proroga delle indagini per l’inchiesta sulla “Girgenti Acque”, la società che gestisce il servizio idrico e fognario in molti comuni della provincia di Agrigento. I reati ipotizzati sono associazione a delinquere, truffa, riciclaggio, corruzione e inquinamento ambientale. Fra i nomi “eccellenti” dei 73 indagati figurano il padre del ministro degli Esteri Angelino Alfano, Angelo, e il prefetto di Agrigento Nicola Diomede oltre che l’ex governatore della Sicilia Raffaele Lombardo. La lunga lista è costellata di nomi di deputati, ex deputati, avvocati, giornalisti e dirigenti pubblici che avrebbero fatto assumere parenti ed amici in cambio di favori.
La proroga è stata firmata dal procuratore agrigentino Luigi Patronaggio e dai sostituti Salvatore Vella, Alessandra Russo e Paola Vetro. L’indagine riguarda anche l’Hidrotecne, società di distribuzione acqua controllata da Girgenti acque.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.