Spaccio di droga e furto in centro commerciale, cinque arresti a Catania

218

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato Francesco Attardo, cinquantaduenne, Daniele Torre, trentatreenne, ed una donna di 51 anni, tutti catanesi, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari, nel popolare quartiere San Cristoforo di Librino, hanno notato i tre in Via Ignazio Castone angolo Via Playa, cedere dosi in cambio di denaro ai vari acquirenti.

I Carabinieri li hanno bloccati e perquisiti. Sono stati trovati in possesso di 12 dosi di cocaina, per un peso complessivo di 3 grammi, un bilancino elettronico di precisione e la somma in contanti di 120 euro,  ritenuta il provento dell’attività di spaccio. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati posti ai domiciliari in attesa di essere giudicati con il rito per direttissima.

Sempre a Librino, quartiere catanese, i Carabinieri hanno arrestato il ventenne catanese Giuseppe Agatino Mario Riela, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Ieri notte, i Carabinieri, durante un servizio antidroga nel popoloso quartiere del capoluogo etneo, hanno osservato il giovane mentre cedeva delle dosi di stupefacente ai suoi clienti, in cambio di un corrispettivo in denaro.  Bloccato e perquisito, il pusher, è stato trovato in possesso di 100 grammi di marijuana, già suddivisa in dosi, oltre che di 220 euro in contanti, incassarti dalla precedente vendita dello stupefacente.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato posto ai domiciliari in attesa di essere giudicato con il  rito per direttissima.

I carabinieri hanno arrestato Anna Comisi, 33 anni e denunciata una ventunenne, anch’essa catanese, ritenute responsabili di furto aggravato in concorso. Le due donne, si erano recate presso un esercizio commerciale di Misterbianco “il globo” ed avevano sottratto capi di abbigliamento dal valore di circa 600 euro. Gli impiegati, avevano notato tutto ed hanno avvisato i carabinieri. La comisi è stata relegata agli arresti domiciliari