Va in pensione il vice questore Francesco Palermo Patera

Ventotto anni di onorato servizio nella polizia di Stato e da ieri è un pensionato. Francesco Palermo Patera, dirigente della Questura di Trapani, ha lasciato il servizio ed è stato salutato ieri dai suoi colleghi con una breve cerimonia a cui era presente anche l’attuale Questore, Maurizio Agricola. Palermo Patera era entrato in polizia vincendo un concorso a 32 anni e mettendo in risalto, fin da subito, le sue innate doti organizzative ed investigative. Subito dopo le stragi mafiose di Capaci e di via D’Amelio ha organizzato l’ufficio scorte della questura di Palermo. In via D’Amelio, il 19 luglio del 1992, subito dopo la strage del giudice Borsellino e dei 5 agenti di scorta è stato fra i primi ad accorrere. Tante le operazioni anticrimine di cui è stato protagonista fra cui l’arresto di un killer di mafia latitante che si rifugiava nella città tedesca di Phorzeim. È stato anche dirigente della Digos di trapani e commissario a Mazara del Vallo. Dal 2013 ha diretto la Divisione Polizia Amministrativa Sociale e dell’Immigrazione, occupandosi della difficile gestione della “macchina dell’accoglienza” e quindi anche della sicurezza per quanto riguarda l’arrivo di immigrati nel nostro Paese, eseguendo controlli per escludere disordini e anche, nel peggiore dei casi, episodi di terrorismo. Palermo Patera, dopo 28 anni, dunque, ha ricevuto l'”encomio solenne” ricevuto dal dipartimento di pubblica Sicurezza e la Medaglia di bronzo al valore civile assegnatogli dalla Presidenza della Repubblica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.