Marsala, bare scoperchiate e resti umani in bella vista al cimitero

2741

Aggirarsi per il cimitero di Marsala può riservare amare sorprese. Ci si può imbattere, per esempio, in sacchi pieni di ciò che preferiremmo ricordare come “i cari estinti” e che invece, molto malamente, e senza troppi riguardi, sono ridotti a mucchietti di resti umani accatastati e destinati a essere smaltiti forse in qualche discarica che tratti  “rifiuti speciali”. Macabro scenario è quello documentato a seguire nelle foto scattate al cimitero il 19 febbraio del 2018.

Bare rotte e scoperchiate con dentro resti umani, oramai decomposti dal tempo, sono stati “scoperti” e segnalati da un nostro attento lettore che ci ha inviato le foto, “immortalando” (è il caso di dirlo!) il triste spettacolo che gli si è parato davanti mentre era andato a trovare un suo parente defunto.

Preso dal comprensibile sdegno e dalla rabbia ha scattato altre foto che hanno evidenziato anche lo stato di abbandono in cui si trova complessivamente tutto il cimitero di Marsala. Il nostro lettore si è imbattuto anche in lapidi di marmo cadenti e cornicioni pericolanti che mettono a repentaglio la “salute dei vivi”. Questi sacchi infatti non dovrebbero essere posti in questo modo e alla mercé del passante. L’amministrazione comunale da qualche settimana, è stata sollecitata dal nostro giornale che più volte è tornata sull’argomento ( leggi qui) pubblicando anche la toccante lettera aperta di un’orfana che ha denunciato lo stato pietoso in cui versa il cimitero, fra immondizia, scale abbandonate e degrado. Al cimitero, di fatto senza alcuna sorveglianza, si può anche essere molestate da maniaci o imbattersi anche in ladruncoli che approfittano della debolezza di alcune persone anziane per derubarle.

Un’interrogazione comunale dei giorni scorsi presentata dalla consigliera Rosanna Genna aveva chiesto al sindaco Di Girolamo e alla Giunta delucidazioni in merito al problema del cimitero di Marsala. Attendiamo le risposte che ancora si fanno attendere. Il caro estinto, a Marsala, non riposa in pace.