Randagismo, il Sindaco di Menfi chiede una Conferenza di Servizi per chiarire alcune criticità della normativa

47
Per attivare sinergie istituzionali e impostare un’azione quanto più possibile uniforme, coerente e integrata a contrasto del fenomeno del randagismo, il Sindaco di Menfi, Arch. Lotà, ha formalizzato ai suoi colleghi di Sciacca, Montevago, Santa Margherita di Belìce, Sambuca di Sicilia e Caltabellotta, nonché al Responsabile del Servizio Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche, al Responsabile dell’Anagrafe Canina per la Sicilia e all’ASP di Agrigento, la richiesta di convocazione di una Conferenza di Servizi per ottenere una chiara interpretazione alcuni passaggi del Decreto Assessoriale che esplicita le “Disposizioni per la corretta custodia e per la registrazione nell’anagrafe canina degli animali d’affezione. Norme per la corretta movimentazione di cani e gatti” che, al momento, indebolisce la già difficile azione dei Sindaci e delle Istituzioni a contrasto del fenomeno.
Infatti, un’interpretazione stringente della normativa, impedisce che possano essere registrati all’anagrafe canina animali la cui fattrice non sia registrata a nome del medesimo proprietario.
Tale interpretazione, di fatto, da un canto impedisce a privati cittadini e associazioni di intestarsi la proprietà di cuccioli randagi e, d’altro canto, impone ai Comuni un ulteriore e cospicuo sforzo organizzativo ed economico per gestire le operazioni di cattura, chippatura, controlli veterinari e soggiorno in strutture adeguate degli animali.
La Conferenza potrebbe essere inoltre l’occasione utile per programmare un intervento generale e gratuito di sterilizzazione dei randagi nei nostri territori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.