Mazara Due, armi e droga sequestrate nel quartiere: arrestata coppia di mazaresi

72

La Squadra Pegaso della Sezione Investigativa del Commissariato di Mazara del Vallo ha portato a termine una mirata attività di polizia giudiziaria finalizzata al contrasto ed alla repressione dei reati in materia di sostanze stupefacenti, condotta all’interno del quartiere mazarese, ad altissimo tasso criminale, denominato “Mazara 2”, già noto quale vera e propria roccaforte dello spaccio di droghe “pesanti” e “leggere”. L’operazione ha consentito l’arresto di una coppia di incensurati mazaresi, M.F. e D.S.P., rispettivamente di 59 e 54 anni e anche di un giovane mazarese, il venticinquenne Vito Anzaldi. Quest’ultimo è accusato di detenzione di armi clandestine mentre la coppia è accusata di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, eroina e marijuana.

Dall’attento monitoraggio del territorio erano già state individuate, quale probabile epicentro di una massiccia attività di spaccio di sostanze stupefacenti, le abitazioni degli arrestati.

È stato, pertanto, organizzato un complesso dispositivo operativo attraverso mirati servizi nel quartiere “Mazara Due” e, nella  mattinata del 27 febbraio 2018, gli agenti del commissariato hanno approntato un appostamento attorno all’abitazione dei tre sospettati per organizzare un’irruzione e poi una perquisizione domiciliare alla ricerca di sostanza stupefacente.A seguito di ciò, è stato possibile rinvenire e sequestrare penalmente, all’interno dell’abitazione della coppia mazarese,  250 grammi di cocaina, 400 grammi di eroina, due chilogrammi di marijuana, n.4 bilancini di precisione, oggetti inequivocabilmente destinati alle operazioni di confezionamento di dosi e una somma complessiva di 3.500 euro, soprattutto in banconote di piccolo taglio, ritenute provento delle illecite cessioni di sostanze stupefacenti.

Inoltre sono state sottoposte a sequestro 2 casseforti contenenti la complessiva somma di euro 233.000 suddivisa in mazzette con sopra indicato il relativo importo, pure ritenuta provento delle illecite cessioni.

Oltre al denaro è stata rinvenuta una notevole quantità di oggetti (smartphone, orologi) che gli acquirenti lasciavano come pegno in cambio dello stupefacente ceduto.

Sempre all’interno dell’ abitazione della incensurata coppia venivano rinvenuti  un fucile da caccia calibro 12 semiautomatico con matricola abrasa, una pistola COLT calibro 22 con matricola abrasa e n.87 cartucce calibro 12 illegalmente detenute.

I tre sono stati dunque tratti in arresto in quanto accusati di  detenzione in concorso ai fini di spaccio di sostanza stupefacente dei tipi cocaina, eroina e marijuana e di detenzione in concorso di armi clandestine. Sono stati arrestati sono stati condotti presso la Casa Circondariale San Giuliano di Trapani, a disposizione dell’A.G. procedente; mentre la donna veniva condotta presso la Casa Circondariale Pagliarelli di Palermo, in attesa della convalida dell’arresto  che si terrà  presso il Tribunale di Marsala nei prossimi giorni.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.