Merce contraffatta e pericolosa made in China, maxi sequestro della Guardia di finanza

150

I Finanzieri del Comando Provinciale di Catania, hanno sequestrato a Riposto, provincia di Catania, oltre 1.300 prodotti contraffatti e potenzialmente pericolosi per la salute.
In particolare, nel corso dell’intervento eseguito presso un punto vendita
gestito da persone di nazionalità cinese, le Fiamme Gialle della Compagnia di Riposto hanno individuato degli articoli contraffatti che riproducevano loghi di note case automobilistiche (BMW, AUDI, TOYOTA, FORD, OPEL) e altri irregolari perché privi sia dell’indicazione dell’importatore e del distributore nazionale e sia delle istruzioni in lingua
italiana sulle modalità d’uso e di quelle relative alla composizione merceologica.
Numerosi sono risultati i prodotti elettrici irregolari sui quali era fraudolentemente apposto il marchio “China Export” in luogo di quello “CE” che attesta la conformità dei beni agli standard europei.
Nel corso del controllo sono stati anche scoperti 6 lavoratori in nero e/o irregolari di nazionalità sia italiana che cinese.
Il legale rappresentante dell’attività commerciale, di nazionalità cinese, è
stato denunciato alla Procura della Repubblica di Catania per il reato di
contraffazione, frode in commercio e ricettazione e segnalato alla Camera
di Commercio etnea per le violazioni amministrative che prevedono
l’applicazione di sanzioni fino ad un massimo di € 25.000,00. Il valore
complessivo dei beni sequestrati ammonta a oltre 15.000 euro.