Marsala, “I Miti e il Territorio nella Sicilia dalle mille culture”: conferenza stampa a Palazzo Fici

56

Mercoledì 14 marzo alle ore 10.00 presso l’Enoteca Comunale del Palazzo Fici (via XI Maggio) a Marsala, si terrà la conferenza stampa di presentazione della mostra “L’evoluzione del Caravaggismo nell’arte contemporanea”, di cui l’EDILCARPENTIERE SRL è partner ufficiale dell’allestimento, che aprirà dal 17 marzo al 16 maggio 2018 nella chiesa San Pietro a Marsala.

La mostra, diretta da Andrea Maggio in collaborazione con “Lab_04” e curata da Franco Paliaga, è un’esposizione unica che riunisce 23 capolavori: 13 opere del passato come Francesco Furini, Nicolas Regnier, Bernardo Strozzi, Pietro Novelli; e 10 opere realizzate da artisti contemporanei, come Ugo Levita, Loredana Meo, Rocco Normanno, Michelangelo della Morte e Alex Folla, tutti dotati di specchiata tecnica e grande levatura artistica, amanti delle luci e delle atmosfere caravaggesche. In questa nuova esposizione, si vuole dare alla mostra, maggiore spazio al dialogo tra le opere presenti.

L’evento è promosso e organizzato dell’Associazione culturale “Fiera Franca Ss. Salvatore” in collaborazione con l’Associazione Culturale “Lab_04” e il patrocinio del Ministero dell’Interno FEC, Regione Sicilia, Beni Culturali, Soprintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali di Trapani, Città di Marsala, Accademia di Belle Arti “Kandinskij” di Trapani e Club Unesco di Marsala.

 

Informazioni sulla rassegna

La rassegna costituisce la terza tappa di un percorso espositivo iniziato nel 2015 nel castello Normanno-Svevo di Salemi, la cui mostra, curata dal Prof. Franco Paliaga e diretta da Andrea Maggio, raccoglieva 49 opere avendo come soggetto principale l’influenza di Caravaggio e dei Fiamminghi nella pittura meridionale.

Nella 2° edizione, svoltasi nell’estate 2017, si è voluto mantenere il titolo iniziale che aveva contraddistinto quella esposizione, “I Miti e il Territorio nella Sicilia dalle mille culture”, proponendo una seconda mostra intitolata “L’Arte e la sua Contemporaneità: dai Caravaggisti ad oggi”, ampliando così il ventaglio delle proposte figurative finalizzate a illustrare al pubblico la continuità tra il passato e l’oggi, comprendendo circa 180 opere e coprendo perciò anche gli esiti più moderni e contemporanei.

«L’obiettivo che ci poniamo – dice il direttore artistico Andrea Maggio – è quello di emozionare lo spettatore con le grandi tradizioni della pittura Seicentesca da Caravaggio a Ribera, mescolate in modo emozionante con l’anacronismo della pittura contemporanea per creare un’esposizione che coinvolga lo spettatore attraverso un percorso plurisensoriale e surrealistico. La cifra stilistica che si vuol cogliere è questa dialettica continua tra passato e presente, tra la bellezza manieristica tramandata dai grandi maestri seicenteschi e le tecniche di artisti contemporanei proiettati nella continua innovazione».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.