Mazara, smaltimento illecito di acque inquinate: due persone denunciate

124

 

Il locale Comando di Polizia Municipale, in collaborazione con il personale A.R.P.A. di Trapani, ha provveduto a porre sotto sequestro una vasta area adibita allo smaltimento illecito delle acque di vegetazione delle olive in Contrada Lippone a Mazara del Vallo.

Nel terreno sottoposto a sequestro erano state realizzate 19 buche-vasche di raccolta in comunicazione tra di loro, al fine di consentire la decantazione del liquido raccolto e facendo si che al loro interno si accumulassero grandi quantità di liquido nero.

Per accertare la natura del liquido presente nelle pozze, presumibilmente acque di vegetazione proveniente da attività industriale-artigianale della lavorazione delle olive, il personale ARPA ha proceduto ad effettuare appositi prelievi e campionamenti.

Su disposizione della Procura della Repubblica di Marsala, l’area interessata allo smaltimento illecito delle acque di vegetazione delle olive è stata posta sotto sequestro, delimitata dal nastro rosso e bianco e segnalata da cartelli.

«L’intervento svolto – ha detto il dirigente dei Vigili Urbani – è un esempio di collaborazione proficua tra i vari enti preposti alla tutela dell’ambiente. Abbiamo provveduto a denunciare due persone a piede libero – ha concluso Coppolino – per violazione delle normative a tutela dell’ambiente».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.