Sequestro beni per l’ex pm Ingroia accusato di peculato

68

Le accuse mosse all’ex pubblico ministero di Palermo, Antonio Ingroia, sono pesanti. L’ex magistrato, in un primo tempo nominato liquidatore della società “in house” della regione, la “Sicilia e servizi s.p.a” e poi nominato amministratore unico dall’assemblea dei soci, ( ruolo ricoperto dall’8 aprile 2014 fino al 4 febbraio 2018) si sarebbe autoliquidato, il 3 luglio del 2014,  la ragguardevole somma di 117 mila euro a titolo di indennità di risultato per la precedente attività di liquidatore, in aggiunta al compenso omnicomprensivo che gli era stato riconosciuto dall’assemblea dei soci, per un importo di 50.000 euro. Secondo l’accusa, tale indebita auto-liquidazione del compenso ha, di fatto, determinato un abbattimento
dell’utile di esercizio del 2013 da 150.000 euro a 33.000 euro.
La violazione della normativa nazionale e regionale in materia di riconoscimento delle
indennità premiali ai manager delle società partecipate da Pubbliche Amministrazioni è
stata avallata dal revisore contabile, dott. Chisari, il quale, in base alla disciplina civilistica,
avrebbe dovuto effettuare verifiche sulla regolarità dell’operazione.
L’avv. Ingroia si sarebbe, inoltre, indebitamente appropriato di ulteriori 34.000 euro, a titolo  di rimborso spese sostenute per vitto e alloggio nel 2014 e nel 2015, in occasione
delle trasferte a Palermo per svolgere le funzioni di amministratore, nonostante “la normativa nazionale e regionale, chiarita da una circolare dell’assessorato regionale dell’Economia, consentisse agli amministratori di società partecipate residenti fuori sede l’esclusivo rimborso delle spese di viaggio”. A tal fine, lo stesso Ingroia avrebbe adottato un regolamento interno alla società che consentiva tale ulteriore indebito rimborso. Anche in questo caso la violazione della normativa vigente sarebbe stata avallata dal revisore contabile Chisari. Entrambi adesso sono accusati di peculato. Ad Ingroia sono stati sequestrati oltre 150 mila euro per rimborsare quanto illecitamente guadagnato.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.