Buoni pasti e aumenti non dovuti: impiegati dell’ IACP indagati per danno erariale

210

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Caltanissetta, a
conclusione di una complessa indagine per stabilire e quantificare il corretto trattamento
economico dei dipendenti dell’Istituto Autonomo Case Popolari di Caltanissetta. I finanzieri hanno portare alla luce un danno erariale per oltre 1,5 milioni di euro.
L’attività d’indagine, svolta su delega della Sezione Giurisdizionale della Corte dei
Conti di Palermo, ha permesso di accertare indebite erogazioni di risorse
pubbliche a favore del personale dell’Ente I.A.C.P. di Caltanissetta dal 2011 al
2017.
Diverse “disattenzioni” commesse nel tempo hanno consentito ai dirigenti e
dipendenti dello IACP di percepire “indennità di posizione”, buoni pasto e anche
aumenti salariali non dovuti a causa del blocco salariale imposto
tra il 2011 e il 2014 per tutti i dipendenti pubblici.
Ma per i dipendenti dello IACP di Caltanissetta questa regola è stata disattesa.
A conclusione dell’attività, sono stati segnalati alla Corte dei Conti di Palermo i Direttori
dell’Istituto Autonomo Case Popolari di Caltanissetta che si sono succeduti dal 2011
al 2017 ed i componenti del Nucleo di Valutazione che, non avendo eseguito il loro
compito di supervisione per l’erogazione delle indennità, hanno determinato un danno
erariale, come già detto di oltre 1,5 milioni di euro.