Palermo, presentato “Il mistero di Ninfa”. L’ultimo libro di Antonio Fiasconaro

157

Gremita di gente la sala di Villa Magnisi a Palermo, per la presentazione del libro del giornalista Antonio Fiasconaro “Il mistero di Ninfa”.

Dopo i saluti dell’assessore alla Formazione e alla Pubblica Istruzione della Regione Siciliana, Roberto Lagalla, sono seguiti gli interventi di Antonino Gentile, assessore al Bilancio del Comune di Palermo e Salvatore Amato, presidente dell’ordine dei Medici di Palermo.

L’ultimo lavoro del giornalista e scrittore palermitano Antonio Fiasconaro “Il mistero di Ninfa”, è disponibile in libreria ed anche sull’e-commerce di Edizioni Kalós.
Il libro racconta il ritrovamento avvenuto il 4 dicembre 2017 di una piccola cassa di legno in una delle sale del cimitero palermitano di Santa Maria dei Rotoli. Quello che contiene è scioccante e inimmaginabile e non dovrebbe trovarsi lì, in un soppalco in cui sono depositati materiali di risulta abbandonati.
Una storia che ha dell’incredibile. Fiasconaro rimane affascinato dalla cronaca e si avvia verso un percorso di giornalismo investigativo, in una inchiesta che sfiora il romanzo e per questo risulta così avvincente. Dove la cronaca lascia il posto all’ignoto e quest’ultimo si fonde al “giallo”, al noir. «Il baule non nasconde un solo mistero, ma mille interrogativi».
Il mistero di Ninfa si compone così, pagina dopo pagina, di tracce che l’autore ripulisce filtrandone al lettore le evidenze, avanzando ipotesi, cercando di sciogliere i tanti dubbi che
accompagnano la storia del baule e del suo contenuto. «Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova», diceva Agatha Christie. Il libro è corredato da immagini realizzate dallo stesso autore e dalla prefazione a cura del prof. Cristoforo Pomara, ordinario di Medicina Legale e responsabile dell’Area Medico-Legale dell’Università di Catania. Lo studioso diventa coprotagonista e partecipa all’inchiesta giornalistica insieme ad un altro autorevole esperto, il dottore Dario Piombino Mascali, paleoantropologo di origini messinesi che si presta ad affiancare l’autore in una serie di raffinate indagini scientifiche.
La casa editrice Kalós, il cui marchio è stato di recente acquisito da una nuova società, inaugura con questo volume Impressioni, la collana dedicata a piccoli testi e a instant book che colpiscono improvvisamente e fortemente, lasciando un’impronta nel lettore.

L’AUTORE
Antonio Fiasconaro (Palermo, 1961), giornalista, saggista e scrittore. Ha iniziato a sedici anni il mestiere di cronista. Si definisce un artigiano del giornalismo. Lavora dal 1990 per il quotidiano “La Sicilia” di Catania: esperto di sanità e politica sanitaria. Consigliere nazionale della FNSI. Ha curato l’ufficio stampa del Gruppo Parlamentare “La Margherita” all’Assemblea Regionale Siciliana e l’ufficio stampa dell’azienda ospedaliera “Cervello” di Palermo. Consigliere regionale e componente della giunta esecutiva dell’Associazione Siciliana della Stampa. Suoi scritti e saggi sono apparsi in numerose pubblicazioni. Con Nuova Ipsa Editore ha pubblicato il saggio poliziesco Morte d’autore a Palermo (2013), vincitore del Premio Internazionale “Pietro Mignosi” per la saggistica nel 2015, e il romanzo I masnadieri dell’Acquasanta (2017).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.