Notte di fuoco a Palermo: incendiati cassonetti in città e nelle periferie

94

Torna l’emergenza rifiuti a Palermo e tornano i roghi appiccati ai cassonetti di conferimento della spazzatura che rendono l’aria irrespirabile. Stanotte, sia in centro che nei quartieri periferici Santa Rosalia, Falsomiele e Cruillas oltre che allo Zen, sono andati in fiamme decine di cassonetti e i vigili del fuoco sono stati impegnati in vari punti della città. Interventi in via Tommaso Natale, piazza Magione, a Cruillas in via Felix Mendelssohn, nel quartiere Villaggio Santa Rosalia in largo Medaglie d’Oro, in via Leonardo da Vinci, in via dei Cantieri, in via Villagrazia, in via del Pellicano a Falsomiele, in via Luigi Castiglia alla Zisa, in via Sandro Pertini allo Zen, in via Altofonte.

All’origine del disguido e della non raccolta della spazzatura ci sarebbero dei guasti. Si sarebbe rotti due  impianti per trattare i rifiuti nella discarica di Bellolampo.  Inizialmente di è rotto l’impianto per il trattamento meccanico-biologico (Tmb) per lo smaltimento a freddo dei rifiuti indifferenziati e poi si è rotto il  tritovagliatore mobile, che tratta 600 tonnellate di rifiuti al giorno. Si sarebbero rotti a causa dello scorretti conferimento di materiali ingombranti e ferrosi smaltiti in modo scorretto dai cittadini. La RAP ha reso note le zone nella città che più delle altre stanno subendo disagi per i ritardi nella raccolta: Sperone, Villagrazia, Falsomiele, Brancaccio, Vergine Maria, Leonardo da Vinci. Uditore, Villa Turrisi, Passo di Rigano, viale Michelangelo e parte di viale Regione Siciliana Nord Ovest.

La Regione da una parte ha autorizzato la Rap a utilizzare l’impianto di Ecoambiente per il pretrattamento di 300 tonnellate al giorno di rifiuti per limitare i danni, anche se solo per 15 giorni, il tempo necessario a riparare il Tmb con il pezzo di ricambio che è in fase di produzione presso la ditta “Amut” di Novara.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.